Ho letto questa frase, presumibilmente di Charlie Brown, in un libro dell'allenatore di pallavolo Gian Paolo Montali che tratta di come vincere nelle organizzazioni con il gioco di squadra.  Per i curiosi, il libro s'intitola "Scoiattoli e tacchini".

E' una frase che si addice perfettamente al pensiero che mi balena in testa da un po’ e che non sapevo bene come esporre... leggendola ho avuto l'input giusto per mettermi a ascrivere questo articolo.

Riflettevo su come è cambiato il mondo della consulenza negli ultimi decenni. E' ovvio, in fin dei conti, poiché il mondo in generale è cambiato ed in particolare il mondo dell'imprenditoria.

Qualche anno fa, ai nostri, come ai corsi motivazionali degli altri, era normale  sentir parlare di "Successo", "Grandi sogni" o di "Vincere". Si usavano proprio queste parole importanti perché scatenavano una forte motivazione per agire nella direzione dei nostri obiettivi . Con il passaggio dell'uragano Crisi, questi termini sono diventati quasi scomodi in certi contesti. Gli imprenditori medi  hanno una sorta di paura più o meno nascosta a parlare apertamente di questi concetti, come se temessero di offendere coloro i quali vivono nella melma della disperazione.

Aimè è vero che, volendo, le paure sono fondate: ci sono molte aziende che hanno chiuso e molte altre che stanno per farlo. Purtroppo i numeri parlano chiaro e se nel 2013, secondo uno studio pubblicato dal Sole 24 Ore, i fallimenti erano pari a 42 aziende al giorno, oltre 15.000 all'anno, nel 2014 le cose non vanno certo meglio, in quanto pare che la percentuale di chiusura sia salita del 14% circa.

Ok, questo è vero. Ma è altrettanto vero che se tu hai una azienda che funziona, che ancora apre i battenti ogni giorno, che coinvolge decine se non centinaia di persone, tanto vale che affronti la realtà con la volontà di VINCERE, perché già il fatto di esserci, di per sé, è una grande vittoria e perché tutte queste persone che ti stanno intorno hanno bisogno di una ventata di ottimismo per non cadere nel nulla del fallimento. Più che mai c'è il bisogno collettivo di vedere la parte positiva di questa epoca che ci troviamo a vivere volenti o nolenti.

Per comportarci da perdenti ci sarà sempre tempo SE e quando perderemo!!!! Come ci sarà sempre tempo per arrendersi, crollare insieme ai numeri dei fallimenti, unirsi alle chiacchiere pessimistiche di coloro che non hanno più speranze, di chi ha perso il senso dell'orientamento personale e si è unito a quello peggiore della corrente più negativa che c'è… affondare in questo mare buio può essere questione di poco, ma perché andarle incontro volontariamente prima di essere costretti? Perché mettere una toppa prima che si formi il buco? Ci sentiamo forse più sicuri mettendo le mani avanti? Beh, se è così sappiate che questa sicurezza è solo una farsa che vi porta sempre più in basso, sempre più dalla parte oscura e buia del fallimento. E con voi state trascinando il vostro capitale più importante: le persone che hanno creduto in voi, il vostro capitale umano.

Prendiamo atto del fatto che la situazione è cambiata. Le cose non funzionano come prima dal punto di vista operativo, gli affari che oggi vanno alla grande( ci sono aziende che oggi sono in forte crescita) probabilmente non hanno niente a che vedere con quelli che andavano bene 10 anni fa e forse, anzi sicuramente, nemmeno con quelli che andranno forte fra 10 anni. Occorre resettare l'unità di confronto, il punto di riferimento, per progettare e percorrere il presente ed il futuro; un po’ come fanno  i navigatori satellitari, che se vi sbagliate di strada "ricalcolano il percorso" in base al punto dove vi trovate in quel momento e non in base a quello nel quale dovreste teoricamente trovarvi.

Serve  questo cambio di prospettiva e serve rinnovare la voglia di vincere! Tornare a parlare di successo, eccellenza, sogno e "si può fare!"  perché è vero: "SI PUO' FARE!" a patto che ci crediate. Non vuol dire che cambiando atteggiamento e diventando ottimisti non vi troverete a dover affrontare comunque delle difficoltà. Queste ci saranno sicuramente sempre, ma avendo appunto un atteggiamento flessibile e determinato, ricalcolerete il percorso da quel punto, con la consapevolezza che si tratta soltanto di una piccola deviazione, non di un cambio di rotta.

Ogni mattina sarebbe un bene alzarsi dal letto ripetendosi appunto che, sebbene" vincere non è tutto, perdere è nulla"! dunque  avanti tutta! con il coraggio di ammettere che vogliamo farcela con la nostra impresa e con la nostra squadra.

Il vostro capitale umano (le persone che insieme a voi remano e portano avanti le vostre aziende) ha bisogno di sentire questa forza più che mai, perché è proprio nella tempesta che l'equipaggio ha bisogno di un capitano sicuro, che imponga la calma e gestisca la situazione con determinazione.  Gli imprenditori che oggi sono al capo di aziende in crescita hanno in comune questa capacità di trasmettere entusiasmo e determinazione e sono anche in grado di vedere ciò che funziona e ciò che non funziona più, al fine di "ricalcolare il percorso" se necessario.

Provate a pensare come sarebbe più bello e motivante per voi e per gli altri andare a lavorare con questa prospettiva. Basta davvero poco. Basta cambiare un piccolissimo, minuscolo chip nella vostra testa, smettere di vedere il bicchiere mezzo vuoto e concentrarsi sul fatto che ancora è mezzo pieno.

Vincere non è tutto, perdere è nulla.

"Quel che conta è partecipare" non è più un moto valido nel mondo dell'imprenditoria attuale, in questo momento chi non tira fuori la grinta è condannato ad abbandonare il gioco più prima che poi!

Dunque mettetevi bene in testa che oggi a differenza di ieri occorrono sforzi supplementari, tutto cambia velocemente e tutto si trasforma, il ché ci mette di fronte di continuo nuove e diverse strade, sfide sempre più complicate. Se volete stare al passo, dovrete diventare diversi, facendo cose diverse.

Formatevi, informatevi e non abbiate paura di chiedere aiuto se occorre. Non è possibile sapere tutto in tutti gli ambiti, sarebbe troppo impegnativo. Voi sapete fare molte cose bene, altre un pò meno… per Vincere però è fondamentale essere forti su tutti i fronti, l'eccellenza deve regnare in ogni casella del vostro organigramma aziendale. Se così non è, potreste non farcela se non fate qualcosa in merito. Se vi accorgete che qualcosa non va… non ignorate questo segnale, siete in tempo!. Mentre c'è la volontà, c'è la possibilità di farcela anche se ora come ora non sapete come…  forse vi occorre semplicemente aiuto, un aiuto che magari siamo in grado di offrirvi diretta o indirettamente, perché questo è il nostro mestiere, fa parte del nostro Sogno, aiutare le Imprese a crescere, migliorare e vincere. Per quanto ci riguarda, abbiamo avuto modo di ricalcolare il nostro ed il percorso dei nostri clienti molte, molte volte e siamo grati per questo, perché ogni volta c'è stato un importante momento di crescita, una occasione per imparare e migliorare.

Se volete vincere, siamo dalla vostra parte! E quando dico "siamo", intendo dire una straordinaria squadra composta da tanti professionisti e persone di valore, unite da un importante Sogno: restituirvi il Sogno.

Ana M. Alvarez

Per Studio Bertoldi & Associati, Puntimpresa e Restart Imprese: i  tre volti dell'aiuto alle imprese italiane.

 

Per il 15/16 gennaio 2015 stiamo organizzando in Toscana uno straordinario CORSO VISIONE,

per iniziare l'anno con la giusta carica, "RICARCOLANDO IL PERCORSO" PER RAGGIUNGERE MEGLIO IL NOSTRO SOGNO

INFO E PRENOTAZIONI QUI
QUALCHE TESTIMONIANZA SCRITTA QUI
cosa può fare per te il corso Visione? ... guarda il video

Condividi su:

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Sito personale:
Titolo:
Commento:

Dicono di noi:

proposito della Consulenza Strategica d'Impresa,


Angelo Pieri, Presidente CNA VT

e Amm.re di Pieri Costruzioni Srl

Giovanni Pucci

Dirett. Comm.le Enegan Srl


Guarda tutte le testimonianze video: Testimonianze Video

Leggi le testimonianze scritte: Testimonianze Scritte

 

 

 

 

www.puntimpresa.it

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se continui a navigare accetti. Per saperne di piu'

Approvo